Stiamo vivendo l’epoca del darwinismo digitale?

26 gennaio 2016

Cos’è il Darwinismo Digitale?

Tra i report pubblicati nel corso degli ultimi mesi, sulle tendenze e sugli scenari legati alla Trasformazione Digitale, “26 disruptive & technology trends 2016-2018” di Brian Solis, analista principale di Altmeter Group, è senza alcun dubbio uno tra i più stimolanti nel tratteggiare le tendenze socio-economiche che impatteranno nel breve periodo le nostre vite.

Il Darwinismo digitale è per Solis “…l’evoluzione della società e della tecnologia ed i loro impatti sui comportamenti, aspettative e sui costumi/abitudini” di noi tutti.

Nel prossimo futuro, il successo delle nostre attività sarà determinato da un mix di 3 azioni complementari:

  • Iterazione: fare meglio ciò che abbiamo sempre fatto
  • Innovazione: fare nuove cose
  • “Disruption”: fare ciò che rende obsolete le vecchie cose

Le possibilità e quindi le capacità di ognuno di noi, di competere in modo appropriato in questo contesto, sarà determinato dal livello di alfabetizzazione digitale.

Vediamo adesso nel dettaglio alcuni dei trend socio-economici più stimolanti del report.

  1. Le esperienze che gli uomini avranno con i prodotti/servizi saranno più importanti dei prodotti stessi; il marketing così diventa “customer experience” in tutti i suoi livelli, di prodotto, di vendita, di servizio, di CRM e R&S. Le nuove generazioni definiscono tutto in modo radicalmente diverso rispetto alle generazioni precedenti. darwinismo digitale corso abc marketing digitale
  2. Gran parte dell’economia e dei business model collegati diverranno on demand; assisteremo così alla nascita e al declino di nuove classi di servizi e prodotti, il cui successo sarà strettamente collegato a nuovi comportamenti ed aspettative del pubblico, che orienterà sempre più le proprie scelte su questi principi chiave: reputazione, valore e fiducia del brand.darwinismo digitale corso abc marketing digitale
  3. L’immersione nell’ecosistema digitale determinerà con frequenza una sorta di “sovraccarico” in molti di noi: il digitale può diventare “una droga”. Per questo il “Digital Detox” sarà un’attività correlata al nostro vivere nel mondo digitale; si renderanno necessari veri e propri momenti di “disintossicazione”, oppure dovremo mettere a fuoco, in modo appropriato, le nostre interazioni con device, pc, wearable semplicemente scollegandoci periodicamente dalla rete. Altra opzione sarà quella di abituarsi a riscoprire momenti della vita “no digital”, come ascoltare musica (strumentale), non rispondere ad ogni messaggio di testo o notifica, dedicarsi al relax della nostra mente almeno 10 minuti al giorno… darwinismo digitale corso abc marketing digitale
  4. L’uomo, con le sue aspettative e i suoi desideri, è il centro di un ecosistema dove la tecnologia e quindi anche la “digital disruption”, riusciranno a capire come poterci aiutare a lavorare, comunicare, creare valore…e vivere davvero una vita un po’ migliore. darwinismo digitale corso abc marketing digitaleDal darwinismo digitale ci stiamo dirigendo verso l’era dell’ ”Umanesimo digitale”?

Alessandro Bruni

Commenti

commenti